Ariv ariv onlus vitiligine malattia  ricercatori coinvolti nelle problematiche della malattia dermatologi ricerca vitiligine

Domande e risposte »

Queste informazioni non possono in alcun modo sostituirsi alle prescrizioni e alle cure del dermatologo, che è necessario consultare prima di intraprendere qualunque terapia.


IMPORTANTE. Queste pagine hanno uno scopo esclusivamente informativo. Ogni sforzo è stato condotto per renderle chiare, aggiornate, facilmente comprensibili da un pubblico molto vasto; tuttavia non possiamo escludere eventuali omissioni ed errori come anche possibili difficoltà interpretative da parte dei lettori.  La dermatologia è in costante evoluzione ed ogni paziente è unico nella sua condizione clinica; ribadiamo quindi che  solo al vostro Dermatologo spetta ogni conclusione diagnostica e terapeutica. Non rispondiamo in alcun modo di un uso improprio e non autorizzato delle informazioni fornite
.

LEGGENDE METROPOLITANE


Mezze verità, incertezze, leggende metropolitane, cure miracolose…. non solo in internet, ma anche in campo medico la diagnosi  genera spesso  incertezze.


Ecco un po’ di chiarezza su  alcune delle più comuni ”leggende metropolitane”


- La terapia con le vitamine  fa repigmentare:

Non esiste evidenza da studi clinici che l’assunzione di vitamine e integratori possa  repigmentare o prevenire l’espansione della malattia. (ci sono però studi clinici che confermano che alcune terapie possono avere risultati migliori se abbinate all’uso di vitamine e integratori)


- La vitiligine è un sintomo di altre malattie interne

Alcuni  pazienti di vitiligine presentano un rischio maggiore di altri di sviluppare malattie autoimmuni, come ad esempio malattie della tiroide, alopecia areata, anemia perniciosa ecc.


- La pelle normale può diventare bianca in sede di una ferita, trauma, scottatura, graffio ecc.

In effetti una sede di trauma continuo (reggiseno, cinture, jeans stretti ecc) o un taglio, un graffio, possono diventare sede di  nuove chiazze di vitiligine.


- Mangiare  alcuni cibi può peggiorare la malattia

Non c’è nessun riscontro per questa affermazione. Una dieta sana e ben bilanciata è importante per chi soffre di vitiligine, come per chi non ne è affetto.


- Esporsi al sole può peggiorare la malattia

L’esposizione “selvaggia” può provocare scottature alle zone con vitiligine, le scottature possono provocare l’estendersi della malattia.


- Lo stress può scatenare o peggiorare la malattia

Nella letteratura medica non c’è riscontro su questo argomento, molti pazienti  però mettono in relazione  un episodio di stress psichico o fisico  con il presentarsi o l’estendersi della malattia.


- E’ probabile che membri della mia famiglia  sviluppino la malattia

Se hai la vitiligine, c’è un 6% di possibilità di svilupparla, per i tuoi consanguinei. La maggior parte dei pazienti però riferisce che nella famiglia non ci sono casi di vitiligine.


- La vitiligine può colpire  chiunque a qualunque età

E’ vero, comunque  la metà dei pazienti di vitiligine è al di sotto dei 20 anni, quindi bambini e adolescenti.


- Mangiare carote ed arance può aiutare a repigmentare

I carotenoidi si trovano abbondanti in frutta e verdura  a forte colorazione, come le carote, e consumati in grande quantità possono dare temporaneamente alla pelle un colore un po’ abbronzato  aranciato, ma non migliorano la situazione estetica.


- Alcuni si ripigmentano spontaneamente,senza cure.

Sì, non è eccezionale che alcune chiazze si ripigmentino da sole, senza terapie, comunque una repigmentazione totale è un evento eccezionalmente raro.


- La vitiligine è più difficile da curare se è di lunga data

Può essere vero che una vitiligine recente si cura più facilmente, però anche chiazze di vecchia data possono re pigmentarsi.


- Esistono vari tipi di vitiligine

E’ vero, c’è quella generalizzata,con chiazze simmetriche, mentre quella segmentaria si manifesta su una sola parte del corpo,  o in modo asimmetrico.


- Chi ha la vitiligine è più propenso a contrarre cancro della pelle

Non c’è nessuna evidenza scientifica su questo argomento. Comunque è sempre bene usare schermo solare per proteggere la pelle pigmentata e non dai raggi  UV potenzialmente nocivi.



LA VITILIGINE

 

La vitiligo (leucodermia) è una malattia abbastanza frequente, che si manifesta sulla pelle con chiazze bianche, rotonde od ovali, a bordi leggermente irregolari e ben delimitati; col tempo possono ingrandirsi e confluire. La pelle peraltro è normale, il decorso quasi sempre lento e progressivo.

Non è contagiosa, le cause non sono note, tuttavia la ricerca si sta avvicinando sempre di più alla comprensione dei meccanismi genetici, immunologici e biochimici che stanno alla base della malattia. Ci può essere una predisposizione genetica, in quanto, anche se non sempre, compare nei consanguinei. Si pensa che sia una malattia su base autoimmune: il sistema immunitario, per errore, attacca le cellule che producono il pigmento, riconoscendole come estranee.

Nel mondo ha una diffusione stimata intorno all’1-2%, quindi 100.000 milioni circa di pazienti. E’ molto sfigurante nelle persone di pelle scura o in chi si abbronza facilmente. È menzionata nella Bibbia e nel Corano, nonché in antichi testi egiziani e cinesi. In alcuni paesi l’incidenza è maggiore, per ragioni genetiche e sociali. Nel 95% dei pazienti la malattia compare prima dei 40 anni, spesso tra i 10 e i 30 anni. Colpisce tutte le razze e ugualmente i due sessi senza predilezione etnica o socioeconomica. Studi sulla qualità della vita confermano che è una delle malattie della pelle più psicologicamente devastanti.

 

LA RICERCA

Nei prossimi anni, grazie all’evoluzione delle tecnologie di indagine genetica e bioingegneristica, emergeranno nuove conoscenze. La ricerca spazia dalla genetica alle malattie autoimmuni, alla struttura della pelle, alla conoscenza del sistema immunitario.

Le biotecnologie migliorano, così la comprensione del genoma umano, e le attrezzature sempre più sofisticate dei laboratori facilitano i ricercatori; maggiori conoscenze porteranno a terapie nuove e più soddisfacenti.

ARIV stimola e promuove la ricerca finché si arriverà ad una cura definitiva:
puoi aiutare i nostri sforzi partecipando attivamente, diventando socio ARIVONLUS e/o facendo una donazione.

 


LE DOMANDE PIÙ FREQUENTI

LA DIAGNOSI

• Come viene diagnosticata?

• Mi è stato detto che non c’è cura, è vero?

• Alcuni dicono che è un disordine di tipo cosmetico, è vero?

• Quali sono le terapie disponibili?

• Cos’è una malattia autoimmune?

• Cos’è il melanocita?

• Cos’è la melanina?

• Quali sono i sintomi della vitiligine?

• Ho delle chiazze di vitiligine alle ascelle, ai piedi e sui genitali. E’ normale?

• Come si evolve la malattia?

• La depigmentazione è sempre accompagnata da prurito?

• Le chiazze si estenderanno nel tempo? Diventeranno più grandi?

• Cos’è la vitiligo segmentaria?

• Cos’è la vitiligo generalizzata?

• La vitiligine è contagiosa?

• Da dove viene la parola “vitiligine”?

• Cosa causa la vitiligine?

• Cos’è lo stress ossidativo?

• E’ vero che la genetica gioca un ruolo nella vitiligo?

• Cos’è la suscettibilità genetica?

• È vero che l’esposizione a certe sostanze chimiche può causare la vitiligo?

• Ci sono altri sintomi, la vitiligo può portare altre malattie?

• Quali terapie devo evitare se aspetto un bambino?

• Aspetto un bambino: erediterà la vitiligine?

• Sono a rischio di cancro?

 

 

 

LE TERAPIE

• Che cos’è la terapia PUVA?

• Cosa sono una crema o un unguento steroideo?

• Cos’è la terapia topica con gli psoraleni?

• Cos’è l’UVB a banda stretta?

• Che cosa sono Protopic e Elidel?

• Cosa sono Aldara e Imiquimod?

• Cos’è il Calcipotriol?

• Cos’è lo pseudocatalase (P-cat, P/KUS)?

• Cos’è la Kellina?

• Cos’è il laser a eccimeri?

• Cos’è lo skin grafting?

• Cos’è il trapianto autologo di melanociti?

• Cos’è la Melagenina?

• Cosa sono Novitil/Sinvitil/Demabest/Vitix?

• Cos’è la depigmentazione?

• Ci sono parti del corpo più difficili di altre da curare?

• I lettini abbronzanti possono sostituire la PUVA o l’UVB nb?

• Si possono curare anche i genitali?

• Sono senza rischi le cure al viso e al contorno occhi?

• Il pigmento recuperato con le terapie è permanente o dovrò curarmi per sempre?


 

I PROBLEMI PSICOLOGICI E RELAZIONALI

• Come posso far fronte allo stress emotivo causato dalla malattia?

• Devo usare degli schermi solari? E’ utile il camouflage?

• È utile una terapia psicologica?

• Qualcuno non stacca gli occhi dalle mie chiazze e io mi vergogno. Cosa posso fare?

• Come devo spiegare agli altri cos’è la vitiligine?

• Ho un bambino con la vitiligo…

• Ho paura di perdere il lavoro per la vitiligo…
  Ho paura di non esser attraente per il/la mio partner…

 

 

Queste sono le domande più frequenti rivolte dai pazienti.

Nessuna parte di questo testo può essere copiata, stampata, tradotta senza il permesso di ARIVONLUS (tranne che per l¹uso personale o per il proprio dermatologo).